Non hai articoli nel carrello.

Oltre il limite della vita:fattori di rischio e prevenzione dei comportamenti suicidari

D. La Barbera, L. Ferraro, V. Cutaia
  1. 10%
€ 11,00 € 9,90
La tematica del suicidio rappresenta un ambito particolare e complessa riflessione sotto il profilo antropologico, sociologico, psicologico e psichiatrico. Possibilità perturbante, ma in ogni e cultura strettamente inerente alle opzioni esistenziali degli esseri umani, essa costituisce, altresì, una via finale comune a disagi interiori differenti che traggono radici sia da veri e propri disturbi psichiatrici, sia da profondi malesseri in cui la componente di tipo sociale o culturale può risultare preponderante.
Questione non eludibile in tutte le società moderne, essa assume particolare rilievo nella civiltà attuale, nella quale l'aumento dei tassi delle condotte suicidiarie e, più in generale, autolesive, sembra fortemente dissonante con elevati livelli di benessere e di progresso sociale ed economico, richiamando, in trasparenza, gli aspetti disarmonici e conflittuali che stanno segnando il passaggio alla società post-moderna e le contraddizioni inerenti a questa difficile, quanto rapida e caotica, transazione.

A cura di:
Daniele La Barbera - Università degli studi di Palermo
Laura Ferraro - Università degli studi di Palermo
Viviana Cutaia - Università degli studi di Palermo

Introduzione

L'insostenibile ricerca del piacere: le dipendenze patologiche, tra desiderio di vita e autodistruttività

Autelesionismo adolescenziale: tra stili educativi parentali e approvazione del pari

Relazioni pericolose: adolescenti tra narcisismo di vita e narcisismo di morte

Uno sguardo oltre la vita... aspetti psicologici e psicopatologici degli adolescenti al limite

Adolescenti con condotte suicidarie: dai fattori di rischio alla resilienza familiare

Il Telefono Giallo e il mondo della scuola. La prevenzione del suicidio in contesti scolastici

Sicurezza e rischio suicidario nelle strutture sanitarie: dalla epidemiologia agli interventi pratici

Dalla solitudine vuota alla capacità di essere soli

"Non ho più niente da perdere", pazienti che rappresentano una sfida e un monito ai limiti della cura

Spunti letterari per una riflessione sulla complessità del suicidio

Prodotti Associati