Non hai articoli nel carrello.

TFA Scienze umane e sociali

Prova scritta delle classi di abilitazione A18 (A036) e A19 (A037)

C. Foliti, A. Pagano
  1. 10%
€ 22,00 € 19,80

TFA Scienze umane e sociali

 

Per la preparazione alle prove scritte del Tirocinio Formativo Attivo nelle classi di abilitazione:

- A18 Filosofia e Scienze umane (A036 - Filosofia, Psicologia e Scienze dell'educazione)
- A19 Filosofia e Storia (A037 - Filosofia e Storia)

Il volume è costituito da un’ampia raccolta di domande a risposta aperta suddivisi per area disciplinare. Ognuno dei 150 quesiti qui riuniti è corredato da un percorso di svolgimento (che evidenzia i punti chiave da trattare) e da un’ipotesi di trattazione sintetica.
Le aree trattate sono relative alle principali conoscenze disciplinari necessarie per l’insegnamento delle materie per le quali si intende conseguire l’abilitazione. Lo svolgimento di ciascun quesito favorisce un rapido riepilogo delle nozioni fondamentali e consente di fissare i concetti chiave.

Claudio Foliti si è laureato in "Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo" presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Roma La Sapienza. Appassionato di storia, collabora come addetto stampa con varie associazioni di volontariato. 

Alessandra Pagano, laureata in filosofia, dottore di ricerca all'Universita' di Bari, é docente di filosofia e storia nei Licei, autrice di numerosi saggi e articoli in riviste nazionali e internazionali, studiosa di storia dell'educazione. Ha progettato e coordinato il presente manuale, di cui é autrice della Prima Parte, concernente i fondamenti epistemologici e metodologici della storia.

PARTE PRIMA - STORIA
50 domande a risposta aperta svolte: dalle Guerre puniche alle conseguenze della Seconda guerra mondiale
1. Le Guerre Puniche: le cause e gli effetti
2. Giulio Cesare al potere
3. La dittatura di Cesare: i principali provvedimenti
4. Le innovazioni del principato di Augusto
5. La politica di Costantino
6. La crisi dell’Impero romano
7. I regni romano-barbarici
8. La restaurazione imperiale di Giustiniano
9. Il ruolo della Chiesa nell’Alto Medioevo
10. I Longobardi in Italia.
Seguono quesiti svolti dall'11 al 50

PARTE SECONDA - FILOSOFIA
50 domande a risposta aperta svolte: dalle teorie sulle origini dell’universo dei filosofi “monisti” alla post-filosofia di Rorty
1. Il candidato illustri le varie teorie sulle origini dell’universo da parte dei filosofi “monisti” evidenziando il passaggio dalla metafisica del “principio” alla metafisica dell’“essere”
2. Il candidato analizzi come alla riflessione sull’archè e sull’“essere” si aggiunga nel pensiero filosofico greco la riflessione sull’“anima” e si soffermi in particolar modo sulla concezione che dell’anima prospetta la filosofia socratica
3. Il candidato esponga i rapporti tra “filosofia e tecnica” nel Novecento soffermandosi in particolar modo sulla riflessione speculativa operata da Weber e Heidegger
4. Il candidato analizzi il tema dell’“eros-amore” nella filosofia platonica e con riferimento al mito di Eros tracci i rapporti-confini tra “amore e felicità”
5. Critica e rottura del sistema hegeliano: il candidato analizzi come il pensiero di Kierkegaard costituisca “il superamento dell’hegelismo” e l’“affermazione della verità del singolo”
6. Il candidato definisca il rapporto tra spirito apollineo e spirito dionisiaco nella Nascita della tragedia di Nietzsche
7. Il candidato esponga la critica dell’economia borghese e la problematica dell’alienazione nel pensiero di Marx
8. Il candidato analizzi le teorie etiche epicuree mettendole a confronto con le altre delle scuole o correnti filosofiche dell’età ellenistica
9. Il candidato analizzi e metta a confronto il rapporto tra Dio/Uno e l’uomo nel pensiero filosofico di Platone, di Aristotele e di Plotino
10. Il candidato ricostruisca i momenti della discussione critica attraverso la quale Socrate affronta e risolve il problema della ricerca della “verità”.
Seguono quesiti svolti dall’11 al 50

PARTE TERZA - SCIENZE UMANE
40 domande a risposta aperta svolte
1. Partendo dalla tesi di Max Weber secondo cui chiunque si avvicini allo studio sull’uomo deve accettare l’idea della superabilità dei risultati conseguiti, il candidato spieghi cos’è l’antropologia e quale ne è l’oggetto di indagine
2. Il candidato descriva le principali caratteristiche dell’osservazione partecipante, tra gli strumenti metodologici maggiormente usati in antropologia
3. Il candidato descriva gli aspetti essenziali della prima antropologia nordamericana
4. Il candidato tracci a grandi linee il pensiero dell’antropologa statunitense Margaret Mead
5. Nel 1949 Claude Lévi-Strauss pubblica il suo primo grande lavoro, Le strutture elementari della parentela, opera in cui prende corpo la ricerca di elementi invariabili nei diversi contesti culturali. Il candidato ne esponga sinteticamente i contenuti
6. Il candidato illustri in quale contesto storico nasce e si consolida l’antropologia come disciplina e quali scopi si prefigge inizialmente
7. Alfred Reginald Radcliffe-Brown è considerato il padre di quello che convenzionalmente viene definito struttural-funzionalismo in antropologia. Il candidato ne esponga in sintesi il pensiero
8. Karl Polanyi può essere considerato il massimo esponente della branca dell’“antropologia economica”. Il candidato ne illustri il pensiero nelle sue linee essenziali
9. Il candidato illustri la “legge dei tre stadi” della storia umana formulata da Auguste Comte
10. Il candidato descriva gli aspetti principali del funzionalismo.
Seguono quesiti svolti dall’11 al 40

Prodotti Associati