Non hai articoli nel carrello.

Kit prove scritte Matematica e Fisica

classi A049 Matematica e fisica A038 Fisica - A047 Matematica

  1. 15%
€ 73,00 € 62,05

TFA Matematica e Fisica

Il pacchetto contiene:

- Tracce svolte di biologia, chimica, scienze della terra, matematica (P10)
- Didattica della matematica: metodi e strumenti per l'insegnamento e l'apprendimento della matematica (QD2)
- Didattica della fisica: metodi e strumenti per l'insegnamento e l'apprendimento della fisica (QD4)
- Superare la prova scritta: guida alla stesura di testi ed elaborati (PS1)

Il pacchetto contiene:

- Tracce svolte di biologia, chimica, scienze della terra, matematica (P10)
- Didattica della matematica: metodi e strumenti per l'insegnamento e l'apprendimento della matematica (QD2)
- Didattica della fisica: metodi e strumenti per l'insegnamento e l'apprendimento della fisica (QD4)
- Superare la prova scritta: guida alla stesura di testi ed elaborati (PS1)

Il pacchetto contiene i seguenti volumi:

TFA Matematica e Fisica

EdizioneI/2014
N. Pagine488 / B/N
ISBN9788865844984

TFA Matematica e Fisica

Per la preparazione alle prove scritte del Tirocinio Formativo Attivo nelle classi di abilitazione:

- A26 (A047) Matematica
- A20 (A038) Fisica
- A27 (A049) Matematica e Fisica

Il volume è costituito da un’ampia raccolta di esercizi , svolti e commentati in maniera puntuale allo scopo di consentire una comprensione immediata dei singoli argomenti, che vengono spiegati sinteticamente, ma con estrema chiarezza e linearità.

Il volume è suddiviso in due parti: la prima comprende una vasta raccolta di esercizi, con relative soluzioni commentate, di alcuni tra i più importanti argomenti di Matematica (Analisi Matematica 1 e 2, Algebra lineare e geometria, Probabilità e statistica, Algoritmi e Analisi numerica); la seconda, invece, è dedicata alla Fisica, con innumerevoli esercizi e relative soluzioni commentate riguardanti i seguenti argomenti: Meccanica, Termodinamica, Elettromagnetismo e ottica e Fisica moderna.

La presenza di commenti chiari ed esaustivi, unita al richiamo puntuale alle principali nozioni teoriche di base, consente di risolvere in maniera rapida e agevole anche gli esercizi più ostici, facilitando l'utente nel raggiungimento del risultato e nell'eventuale operazione di correzione dello stesso in caso di errore. L'utente viene guidato in ogni singolo passaggio matematico e condotto alla ricerca di una metodologia applicabile alla soluzione di problemi simili a quelli proposti, stimolando adeguatamente le sue capacità intuitive e di ragionamento.

Docente di Matematica e Fisica nella scuola secondaria di secondo grado. Nel 2012 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Fisica presso l'Università degli Studi di Palermo. Oltre all'attività di insegnamento si dedica alla programmazione e ad iniziative di divulgazione scientifica in ambito universitario e scolastico..

Parte Prima - Matematica
1. Analisi Matematica 1
2. Analisi Matematica 2
3. Algebra lineare e geometria
4. Probabilità e statistica
5. Algoritmi e programmazione in C++
6. Analisi numerica
7. Soluzioni: Analisi Matematica 1; Analisi Matematica 2; Algebra lineare e geometria; Probabilità e statistica; Algoritmi e programmazione in C++; Analisi numerica

Parte Seconda - Fisica
1. Meccanica
2. Termodinamica
3. Elettromagnetismo ed ottica
4. Fisica moderna
5. Soluzioni: Meccanica; Termodinamica; Elettromagnetismo ed ottica; Fisica moderna

Didattica della Matematica

EdizioneII/2016
N. Pagine288 / B/N
ISBN9788865847619

Didattica della Matematica

Rivolto a chi già insegna nella scuola, o sta affrontando l'iter per diventare docente, il volume offre una rassegna agile dei principali strumenti di didattica della matematica, ponendo particolare attenzione alle componenti e ai processi di apprendimento. Viene analizzato il ruolo delle misconcezioni, utili a interpretare i comportamenti degli studenti e gli ostacoli a una corretta acquisizione dei concetti matematici consentendo al docente di progettare efficaci percorsi di insegnamento.
L'ultimo capitolo è incentrato su uno dei temi di maggiore attualità per la scuola italiana, ovvero le valutazioni standardizzate nazionali e internazionali i cui risultati rappresentano un valido strumento per migliorare l'azione didattica.
Il testo è infine arricchito da un'ampia bibliografia di riferimento a corredo di ogni capitolo e da una prima Appendice con indicazioni riguardanti materiali di documentazione e aggiornamento per l'insegnante e da una seconda Appendice concernente i Disturbi dell’apprendimento e la discalculia evolutiva.

Sfoglia una demo e l'indice dettagliato del volume.

Consulta l'offerta completa dei nostri volumi di didattica

Giorgio Bolondi, ordinario di Matematica e Didattica della Matematica presso l'Università di Bologna. Presidente della Commissione Italiana per l'Insegnamento della Matematica, ha collaborato alla stesura delle nuove Indicazioni Nazionali per il sistema dei Licei e collabora con l'Invalsi per la realizzazione delle prove di matematica. 

Piergiuseppe Ellerani,  ricercatore universitario e docente di Metodologia del lavoro di gruppo presso la Libera Università di Bolzano. Esperto di apprendimento cooperativo, da anni svolge attività di ricerca e formazione degli insegnanti sulla didattica cooperativa, le metodologie attive e l'innovazione dei contesti di apprendimento.

Martha Isabel Fandiño Pinilla, laureata in Matematica e specializzata in Educazione Matematica.  Docente di Didattica della Matematica presso le Università di Bologna e di Bolzano. È stata docente presso l'Università di Urbino, le SSIS di Bologna e di Bolzano, l'Alta Scuola Pedagogica di Locarno (Svizzera) e la SUPSI di Locarno. Tiene seminari presso il Dottorato di Ricerca in Didattica della Matematica dell'Università Distrital di Bogotà. Ha al suo attivo oltre 200 pubblicazioni tra libri e articoli in spagnolo, italiano, inglese, portoghese, slovacco e francese. Tiene corsi di aggiornamento, seminari e conferenze in tutto il mondo. È stata membro del gruppo di ricerca dell'USR dell'Emilia-Romagna e del Comitato Nazionale Invalsi. È condirettrice scientifica del Convegno Nazionale "Incontri con la Matematica" ed è membro del NRD (Nucleo di Ricerca in Didattica della Matematica) di Bologna. È responsabile scientifico della didattica della matematica della rivista Vita Scolastica.

Silvia Sbaragli, laureata in Matematica e specializzata SSIS presso l'Università di Bologna. PhD in Mathematics Education presso l'Università Komenského di Bratislava, in Slovacchia. Insegna Matematica e Didattica della matematica presso l'Università di Bologna ed è docente-ricercatore presso la SUPSI di Locarno (Svizzera). Da diversi anni è membro del NRD (Nucleo di Ricerca in Didattica della Matematica) dell'Università di Bologna. È condirettrice scientifica del Convegno Nazionale "Incontri con la Matematica" . È membro del comitato scientifico della rivista "Bollettino dei docenti di matematica" di Bellinzona (Svizzera). Ha al suo attivo numerose pubblicazioni (di didattica, di divulgazione e di ricerca). Tiene molti corsi per insegnanti ed ha partecipato a diversi convegni e seminari in Italia e all'estero.

Capitolo Primo - Elementi di didattica della matematica

La didattica della matematica come arte - Due modi diversi di intendere la didattica della matematica - Limiti della didattica A - Concetto e concettualizzazione in matematica - Il caso della matematica - Apprendimento, costruttivismo, simbolizzazione - Semiotica e noetica nella matematica e nel suo apprendimento - Componenti dell’apprendimento - Introduzione agli strumenti teorici e concreti della didattica B - Il contratto didattico - Conflitti e misconcezioni - Immagini e modelli - Il triangolo insegnante, allievo, Sapere - Ostacoli - La teoria delle situazioni didattiche - Il ruolo dell’epistemologia nella formazione degli insegnanti di matematica nella scuola secondaria - Uso della storia nella didattica della matematica - La didattica della matematica C, come epistemologia dell’insegnante - La didattica della matematica è una scienza - Conclusioni

Capitolo Secondo - Il ruolo delle misconcezioni nella didattica della matematica

Il termine misconcezione - Misconcezioni “evitabili” e “inevitabili” - Alcuni esempi di misconcezioni evitabili e inevitabili - L’“errore”: un termine da reinterpretare

Capitolo Terzo - La sfida della Didattica: trasformare le classi in contesti di apprendimento continuo

La bussola dal nome Didattica - I tratti distintivi della Didattica - La bussola Didattica nel contesto classe incontra le differenze individuali degli studenti - La Didattica: comunicazione nel contesto - La Didattica si esprime al meglio nel contesto-classe come laboratorio - La Didattica e le competenze: punto cardinale Nord - La Didattica e le intelligenze: punto cardinale Est- La didattica cooperativa per lo sviluppo delle competenze: punto cardinale Sud - La didattica basata sui problemi (Problem Based Learning): punto cardinale Ovest - La formazione delle “abitudini della mente”: punto cardinale Nord-Est - La Didattica metacognitiva e l’apprendere ad apprendere per lo sviluppo del pensare: punto cardinale Sud-Est - Didattica e valutazione autentica. La prospettiva per la valutazione delle competenze: punto cardinale Nord –Ovest - La Didattica per capacitare e costruire capitale sociale. Un nuovo orizzonte formativo: punto cardinale Sud-Ovest

Capitolo Quarto - Le valutazioni nazionali e internazionali

Introduzione - L’indagine OCSE-PISA  - La matematica - I risultati e l’Italia - L’indagine IEA-TIMSS - Il Sistema nazionale di Valutazione e l'Invalsi - La Prova Nazionale - Come “utilizzare” le prove Invalsi

Appendice 1 - Strumenti di documentazione per l'insegnante

Indicazioni di legge - Valutazioni Internazionali - Invalsi - Matematica 200x - Repository di materiali - Convegni e congressi - Gruppi di ricerca

Appendice 2 - Disturbi dell’apprendimento e discalculia evolutiva

Didattica della Fisica

EdizioneI/2014
N. Pagine256 / B/N
ISBN9788865844151

Metodi di insegnamento di Fisica

 

Rivolto a chi già insegna o sta affrontando l'iter per diventare docente, il volume si propone di presentare i principali strumenti messi a punto dalla ricerca didattica nell'insegnamento della fisica, a tutti i livelli, dalla scuola dell’infanzia alla scuola superiore. Si tratta di strumenti concettuali, metodologici, didattici, spendibili nella pratica quotidiana di un insegnamento che miri a una formazione scientifica significativa in un’ottica di sviluppo coerente lungo tutto il percorso formativo.

Nei capitoli da 1 a 4 sono presentati i principali modelli di insegnamento della fisica proposti e messi in atto nel corso del Novecento, riconoscendone le radici didattiche, psicologiche ed epistemologiche e riassumendone punti di forza e limiti. Nel capitolo 5 è descritto a grandi linee un modello cognitivo che ha costituito un riferimento costante per le ricerche svolte dai curatori di questo volume. Nel capitolo 6 sono presentate due proposte di insegnamento dai 4 ai 16 anni rispettivamente sui temi Luce e visione e Movimento, sui quali gli autori hanno lavorato negli anni da diverse prospettive. Il capitolo 7 esemplifica sia aspetti di carattere longitudinale della programmazione/gestione didattica delle proposte, sia aspetti contestuali della mediazione didattica. Il capitolo 8 propone alcune riflessioni sull’importanza di una valutazione coerente con gli obiettivi dichiarati, con le competenze acquisite e con i metodi didattici utilizzati. Il testo è infine corredato da un'ampia bibliografia di riferimento.

Sfoglia alcune pagine del volume

Consulta gli altri volumi della collana I quaderni della didattica

Marta GAGLIARDI, Professore associato, ha tenuto il corso di Fisica e Didattica della Fisica per il corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. I suoi interessi di ricerca hanno riguardato in particolare i seguenti settori: educazione scientifica nella scuola di base, formazione degli insegnanti in fisica, processi di formalizzazione e aspetti metacognitivi nell’insegnamento della fisica.

Enrica GIORDANO, Professore associato all’Università di Milano-Bicocca, insegna Didattica della Fisica e Didattica dell’Astronomia nel corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Si occupa altresì delle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione a una didattica innovativa per la formazione scientifica.

Hanno collaborato altresì Paolo GUIDONI (cap. 5) e Michela MAYER (cap. 8)

1. Dal primo dopoguerra ai primi anni Sessanta
2. Gli anni Sessanta-Settanta
3. Gli inizi della ricerca in didattica della fisica
4. La visione attuale
5. Spiegare e capire (per esempio la fisica) in modo risonante
6. Percorsi longitudinali nella scuola di base (e oltre)
7. Esempi dalle sperimentazioni in classe
8. Valutare le competenze scientifiche

Superare la prova scritta

EdizioneI/2014
N. Pagine336 / B/N
ISBN9788865844250

Guida alla stesura di testi ed elaborati

 

Come redigere un testo chiaro ed efficace? Come organizzare le idee e come svilupparle? Come assicurare coerenza alle nostre tesi e coesione al testo? Come evitare i più comuni errori su ortografia e punteggiatura?  

In una prova scritta la forma vale quanto il contenuto. Ottime conoscenze disciplinari non sono sufficienti se non accompagnate dalla capacità di scrivere in modo corretto e articolare in modo coerente.

Rivolto a chiunque debba cimentarsi in una prova scritta, il volume si propone come una breve guida ragionata ad un uso corretto della lingua italiana. Dopo aver presentato, sotto forma di schede operative, le principali criticità grammaticali: costruzioni da evitare e da scegliere, accordi, tempi verbali, lessico, principali errori di punteggiatura ed ortografia, viene presentata una metodologia semplice e di facile impiego per la progettazione, stesura e post-scrittura di un testo.
Per la fase di prescrittura si vedrà come raccogliere le idee ed organizzarle per ottenere una struttura coerente ed equilibrata: una progettazione accurata infatti la chiave di un buon testo e facilita enormemente la stesura vera e propria. Si passerà poi alla scelta del registro linguistico e stilistico più appropriato, alla stesura del corpo centrale del testo, analizzando le tecniche applicabili per mantenere la coesione e la coerenza, per giungere alla stesura di introduzione e conclusione. Si vedrà infine come affrontare le fasi di revisione e limatura del testo.

Daniela Storti, Laureata con il massimo dei voti in Lettere Classiche, è docente di ruolo nella Scuola superiore di secondo grado dal 2006. Vincitrice di tre concorsi a cattedra banditi nel 1999, ha collaborato per alcuni anni con diversi Atenei, insegnando in particolare discipline umanistiche presso la SICSI (SSIS) dell'Università degli Studi di Salerno. Esperta in logica verbale, ha pubblicato diversi libri ed articoli sulla didattica orientata ai concorsi di ammissione universitari ed ha insegnato dal 2005 al 2007 le materie umanistiche agli aspiranti docenti delle SSIS.

Francesca de Robertis, dopo la laurea in Lettere moderne con una tesi in Linguistica sui dialetti del Cilento, ha approfondito in corsi postuniversitari gli studi in Dialettologia e Tipologia linguistica. Ha conseguito un master in Editoria e Comunicazione e svolge attività di redattrice e autrice di testi per l'editoria e per il Web.V

Olimpia Rescigno, laureata in Lettere classiche presso l'Università di Napoli "Federico II" e abilitata all'insegnamento, è docente di Italiano e Latino. Giornalista pubblicista da diversi anni, ha approfondito gli studi umanistici attraverso corsi postuniversitari.

Capitolo 1. Scrivere per comunicare
1.1 Comunicare
1.2 I segni della comunicazione
1.3 Linguaggio e lingua
1.4 Le funzioni della lingua
1.5 Varietà della lingua
1.6 Lingua parlata e lingua scritta
1.7 Le variabili linguistiche
1.8 Che cos’è un testo
1.9 La comunicazione scritta
1.10 Le condizioni di una buona comunicazione scritta
Capitolo 2. Che cos’è lo stile?
2.1 Che cos’è lo stile?
2.2 Perché migliorare lo stile
2.3 Come giungere a un’espressione scorrevole
2.4 Alcune informazioni sullo stile
2.5 Correggere e migliorare lo stile
2.6 Le figure retoriche
Capitolo 3. Come scrivere bene in italiano oggi
3.1 Le novità dell’italiano: il neostandard
3.2 Il neostandard nella morfologia
3.3 Il neostandard nella sintassi
3.4 Il neostandard nella testualità
3.5 Il neostandard nel lessico
3.6 L’ortografia: qualche consiglio
3.7 La punteggiatura
Capitolo 4. Scrivere testi: fasi ideative
4.1 Fasi di composizione di un testo
4.2 La fase di prescrittura
Capitolo 5. Fasi operative
5.1 La fase di scrittura
5.2 La fase di postscrittura
Capitolo 6. Scrivere per tipologie
6.1 La classificazione delle tipologie testuali
6.2 Il testo narrativo non letterario
6.3 Il testo informativo-espositivo
6.4 Testo descrittivo
6.6 Testo regolativo
Capitolo 7. La prova scritta
7.1 Introduzione
7.2 Dal test alla prova scritta
7.3 La struttura e le varie tipologie di consegne
7.4 I quesiti a risposta aperta
7.5 Riflessioni sulla prova
7.6 Studiare per la prova scritta
7.7 Consigli e suggerimenti per superare la prova scritta e pratica
7.8 Gestire la prova d’esame
Capitolo 8. Modelli di scrittura
8.1 La comprensione e la scelta della traccia
8.2 Tipologie di tracce di ambito umanistico e pedagogico
8.3 Analisi del testo in prosa
8.4 Analisi del testo poetico
8.5 Tipologie di quesiti di ambito scientifico
8.6 Le prove di traduzione
8.7 Tipologie di elaborati
8.8 Il linguaggio pedagogico

Edises

Edizioni Scientifiche ed Universitarie
P.IVA 06395310631
© 2001-2019 tutti i diritti riservati

Edises Feedaty 4.7 / 5 - 2187 feedbacks

web agency